Perché lettrice geniale?

Sono una lettrice?
Eccome!
Sono un genio?
Decisamente no.
Perché allora ho scelto di chiamare questo blog La lettrice geniale?
Di sicuro non ti sfuggirà il richiamo alla quadrilogia di Elena Ferrante, che ha conquistato lettori in tutto il mondo…
Senza ambire al successo interplanetario di quei romanzi, questo spazio dedicato ai libri vuole essere un luogo d’incontro per lettori appassionati, ma anche per quelli che ancora non sanno di esserlo.
Perché, a mio avviso, non esistono NON LETTORI.
Esistono LETTORI IN CERCA DEL LIBRO GIUSTO: quello GENIALE che fa venir voglia di arrivare alla fine senza staccarsi mai dalle pagine.

Elena Giorgi

Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, mi sono trasferita a Milano nel 2008 e per molto tempo sono stata un angelo custode di eventi. Oggi lavoro tra sport e turismo, anche se a vedermi non si direbbe.
Da anni mi occupo anche di libri: modero incontri letterari, ho ideato e realizzato la rassegna Segreta è la notte e conduco un gruppo di lettura legato alla libreria La Scatola Lilla di Cristina Di Canio, a Milano.
Faccio parte del gruppo di grandi lettori selezionati da L’Indiscreto per votare tre volte l’anno i migliori libri italiani di narrativa, poesia, saggistica.
Pratico mindfulness dal 2012 e ogni giorno scelgo di sorridere.
Sono meno cattiva di quello che sembro e vorrei morire ascoltando “La Bohéme” di Puccini.

Qui trovi una piccola rassegna stampa e anche i guest post che ho scritto per blog amici.

Seguimi sui social:

 

Proposte? LEGGI QUI!

Da qualche tempo ho deciso di ridurre notevolmente la ricezione di libri proposti da case editrici e uffici stampa, facendo una selezione ancora più accurata. Questo perché voglio tornare al piacere originario della lettura, senza sentire alcuna pressione sulla produzione in batteria di contenuti per il web.
Se pensi che un certo libro sia per me davvero imperdibile, anche solo come suggerimento personale, puoi scrivere QUI.

In ogni caso, per rispettare la professionalità di tutti, non accetto proposte di lettura inviate direttamente dagli autori, dai loro parenti e amici.

NON LEGGO:
Romance, Fantasy e Fantascienza.
Gialli, thriller e noir non sono in cima alle mie preferenze.
Libri delle case editrici che si fanno pagare dagli autori per pubblicare (o si fanno pagare per servizi legati alla pubblicazione del libro: se ti chiedono soldi per l’editing o la promozione o ti obbligano all’acquisto di copie, ti stanno prendendo in giro!).
Libri di case editrici che non curano la promozione delle proprie pubblicazioni e che, di conseguenza, istigano gli autori a trasformarsi in venditori porta a porta.
Libri delle case editrici che non pagano i propri autori, dipendenti e collaboratori.
Libri delle case editrici che sfruttano la buona fede delle persone.
Libri auto pubblicati, su qualsiasi piattaforma.
Infine, amo la poesia ma non sono interessata a scriverne su questo blog.

Alcuni dei libri che troverai sul blog mi sono stati proposti e inviati dalle case editrici (copie staffetta, bozze non definitive, copie riservate alla stampa, copie in digitale).
Troverai anche altri libri, che ho comprato personalmente e che ho voluto condividere perché mi sono piaciuti. Nei post dedicati a questi ultimi troverai il bollino L’ho comprato io!, perché credo sia giusto farti sapere che quel romanzo o quel saggio non mi è stato offerto gratuitamente e viceversa.

In ogni caso, faccio un’accurata selezione delle mie letture e se un libro non mi piace o non mi convince, raramente lo finisco, perché non voglio perdere tempo e forzarmi per andare avanti con qualcosa che tolga spazio a letture più adatte a me.
Di conseguenza, i libri che non mi sono piaciuti non li troverai su questo blog, anche perché se non sono piaciuti a me, non significa che non possano piacere a te.
Quindi, qui troverai solo i libri che ho veramente letto e che voglio condividere con altri lettrici e lettori.
Ovviamente non sono tutti grandi capolavori assoluti della letteratura: alcune sono letture molto leggere, non sempre con editing perfetti, stile sublime e trame originali e spiazzanti, ma a volte leggere significa anche solo distrarsi, staccare con i pensieri, alleggerirsi la mente, passare qualche ora piacevole, trovare qualcosa che si andava cercando.
Pensare di avere tra le mani ogni volta il libro della vita, quello perfetto e indimenticabile, è ottimistico ma ben poco realistico, no?

no all'editoria a pagamento
L'ho comprato io!