Il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey di Mary Ann Shaffer & Annie Borrows

Il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey di Mary Ann Shaffer & Annie Borrows

Dal 10 agosto su Netflix è disponibile il film tratto dal romanzo di Mary Ann Shaffer e Annie Borrows. Tocca ora confessarlo: mi sono emozionata tantissimo nel vedere sullo schermo i volti dei personaggi immaginati leggendo quel libro dal titolo lungo e buffo, Il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey. Un romanzo epistolare che può erroneamente apparire senza grandi pretese ma che, invece, stupisce e conquista nel mostrare il grande amore che gli abitanti dell’isola di Guernsey provano per la lettura. Il Club del libro e della torta di bucce di patata di Guernsey Nell’adattamento su schermo l’adorabile Lily James presta il volto alla protagonista Juliet Ashton, trentatrenne giornalista che durante la Seconda Guerra Mondiale ha tenuto una rubrica sullo Spectator, sotto lo pseudonimo si Izzy Bickerstaff, raccontando con brillante ironia il calvario del conflitto, con lo scopo di tenere vive le menti e rallegrare l’animo dei lettori. Ma la guerra ora è finita, siamo nel 1946 a Londra e Juliet si domanda se riuscirà a trovare un’avvincente storia da raccontare, dopo aver pubblicato anche un saggio sulla meno conosciuta delle sorelle Brontë, Anne. A farle da spalla in questa ricerca è il suo …

Continue reading
La casa delle parole di Cécile Coulon

La Casa delle Parole di Cécile Coulon

Keller non mi delude mai. Porta in Italia libri che lasciano in me un segno profondo; romanzi brevi ma intensi come La Casa delle Parole, della giovane francese Cécile Coulon. Una trama distopica, ambientata in un futuro imprecisato e in un mondo in cui i libri diventano una droga capace di sconvolgere le masse, per poi addomesticarle. Poteva non essere un libro perfetto per me? La casa delle parole Le librerie non potevano vendere una sola opera classificata come letteratura: i testi complessi costituivano un intralcio al buon svolgimento del Programma. Le biblioteche vennero svuotate, i reparti riorganizzati. Cassoni pieni di romanzi, di raccolte di racconti, saggi politici partivano verso le Discariche in periferia dove la carta dei vecchi libri veniva riutilizzata per i nuovi. Il successo delle Case delle Parole aveva distrutto le teorie di genere, registro o persino di forma letteraria. In questo inquietante futuro i libri che noi conosciamo non esistono più. Nessuna copertina dalla grafica accattivante, nessun titolo incisivo, nessuna grande trama che diventi vera letteratura. Pure le famigerate fascette sono state abolite. Ora i libri sono classificati sotto l’emozione o la reazione che generano nei lettori. Abbiamo quindi Libri Tristezza, Libri Brividi, Libri Odio, Libri …

Continue reading
La libreria della rue Charras di Kaouther Adimi

La libreria della rue Charras di Kaouther Adimi

Saranno coincidenze o sarà che – visto il clima politico – sono costretta a essere molto più sensibile verso certi temi, ma ultimamente m’imbatto spesso in libri che parlano di resistenza e integrazione, e che mettono al centro la cultura quale arma più forte per combattere integralismo e razzismo. È il caso del bel romanzo uscito a maggio per L’Orma e scritto dall’algerina Kaouther Adimi, La libreria della rue Charras, che si ispira alla vita del libraio ed editore Edmond Charlot, che nell’Algeri degli anni ’30 diede vita alla libreria Les Vrais Richesses e alle Edizioni Charlot. La libreria della rue Charras Sarai solo, perché per perdersi e vedere tutto bisogna essere soli. Ci sono città, e Algeri è una di queste, in cui qualsiasi compagnia è di troppo. Ci si passeggia come ci si abbandona alle fantasticherie, con le mani in tasca e il cuore stretto. Chi viaggia in solitudine non può che ritrovarsi in queste parole, che accolgono il lettore nelle prime pagine. Il romanzo, attraverso un immaginario diario tenuto da Edmond Charlot, scatta un’istantanea all’Algeria sotto il dominio francese, ma anche al terribile periodo della Seconda Guerra Mondiale e al feroce razzismo perpetrato dai francesi sugli indigeni …

Continue reading