Chilografia di Domitilla Pirro

Chilografia di Domitilla Pirro

Questa è l’epoca della lotta al body shaming, supportata da migliaia di donne stanche di essere giudicate e derise per il proprio aspetto fisico, sia che si tratti di chili in abbondanza, sia che il problema (negli occhi altrui) sia l’eccessiva magrezza. Mai come in questi anni le donne hanno preso coscienza di quanto sia importante accettarsi e piacersi, senza per forza sentirsi umiliate da chi vuole imporci canoni di bellezza da riviste patinate. Per questo leggendo Chilografia di Domitilla Pirro, edito dalla piccola casa editrice toscana Effequ, ho deciso che sarebbe stato il romanzo protagonista del prossimo incontro del gruppo di lettura Absolute Beginners, che si terrà nella libreria Scatola Lilla di Milano mercoledì 25 settembre alle 19.45. Chilografia Per capire il tempo bisogna liberarsi delle parole. Le parole delle cose e le parole dei corpi. Le parole finite, quelle che si possono contare. Palma – faccia di pesca e di strutto – nasce in una famiglia disastrata. La madre Stefania ha una cotta per Pierpi, l’insegnante di scuola guida; il padre Sauro è un uomo dai pensieri fin troppo basici e nemmeno si accorge che la moglie ha ben altre ambizioni; la sorellina Clara, di poco più grande, …

Continue reading
Sonno bianco di Stefano Corbetta

Sonno bianco di Stefano Corbetta

So cosa significa stare accanto a un letto d’ospedale parlando a chi apparentemente non può sentirci, per questo Sonno bianco, il romanzo di Stefano Corbetta pubblicato da Hacca, è stato per me una lettura dolorosa e difficile, ma anche così intensa da diventare irrinunciabile. Sonno bianco Othie e Oth, così si sono soprannominate da bambine le gemelle Emma e Bianca, storpiando a modo loro la parola inglese other. Soprannomi che, seppur inconsciamente, segnano l’inequivocabile volontà di tagliare fuori gli altri dal loro crescere in simbiosi. Emma è timida, insicura, fragile, così uguale a Bianca fisicamente ma così diversa da lei, che è estroversa, tenace e temeraria. Così impavida e protettiva da gettarsi sulla sorella, a soli nove anni, per salvarla da un terribile incidente. Di quel momento, che forse si sarebbe potuto evitare, a Emma rimane una gamba più corta e sempre dolorante, mentre a Bianca tocca uno stato vegetativo, un sonno bianco da cui non sarà facile risvegliarsi. … guardare Bianca negli occhi non era facile, significava seguire il movimento impazzito delle sue pupille sperando che fosse da qualche parte, lontano da loro, prigioniera in un mondo inesplorato. Dovete parlare con lei, ripetevano, ma il suo silenzio aveva lentamente …

Continue reading
Stagno di Claire-Louise Bennett

Stagno di Claire-Louise Bennett

Ci sono libri che non hanno bisogno di una trama e scelgono d’essere puri esercizi di stile, con ipnotici flussi di parole calzanti che hanno il solo scopo di riempire i vuoti e le mancanze di lettori affamati di suggestioni e lirismo. È il caso di Stagno, esordio di Claire-Louise Bennett, tradotto con meticolosa cura da Tommaso Pincio e pubblicato da Bompiani. Stagno Che cos’è Stagno? Un romanzo? Una raccolta di racconti? Se davvero è necessario definirlo in qualche modo, allora consideriamolo un diario del quotidiano, su cui viene annotato il fiume di pensieri dell’anonima e solitaria protagonista, una donna colta, forse una ricercatrice, che ha scelto di vivere in un cottage immerso nella campagna irlandese. L’approccio della protagonista verso il mondo che la circonda si muove tra rivelazione e stupore, senza lesinare l’emozione di chi osserva la natura con occhi vergini ma gravidi di riconoscenza per quel nuovo tempo investito a scoprire e comprendere. I cambiamenti su larga scala infatti non mi suscitavano il minimo interesse; era piuttosto la costanza delle piccole cose ad attrarmi. Solitaria e forestiera, lussuriosa e misteriosa, questa donna di cui non sapremo mai il nome spoglia i propri pensieri di qualsivoglia costrutto per metterli …

Continue reading