Mileva Einstein di Slavenka Drakulic

Mileva Einstein di Slavenka Drakulić

Qualche anno fa una persona del mondo dello spettacolo mi disse: “Se ammiri qualcuno di noto e importante, cerca di non conoscerlo mai. Potresti rimanere delusa”.Negli ultimi giorni ho ripetuto nella mia testa questa frase, come un mantra salvifico che potesse non farmi esplodere di rabbia durante la lettura di Mileva Einsten, il romanzo biografico scritto da Slavenka Drakulić e pubblicato da Bottega Errante. Mileva Einstein È poco noto che l’iconico scienziato Albert Einsten fosse un uomo immaturo, sgarbato e addirittura crudele nei confronti della moglie. Mileva Marić, nata in Serbia da una famiglia borghese, incontra Albert alla facoltà di Fisica del Politecnico di Zurigo.Non passava di lì per caso.Mileva era una delle pochissime donne ammesse a frequentare i corsi e sognava di diventare una scienziata, con un lavoro che le consentisse di emanciparsi e non doversi piegare alle regole di una società che vedeva le donne solo come mogli e madri. Ho pensato che stavo realizzando tutto quello che mai mi sarei potuta immaginare. Stavo per laurearmi, mi avevano già offerto un lavoro nella biblioteca dell’università, presto avrei avuto un figlio. Tutto così inatteso per una zoppa di provincia e per di più poco attraente, ma con un po’ …

Continue reading
Kentuki di Samanta Schweblin

Kentuki di Samanta Schweblin

Ebbene, confesso: a vent’anni avevo un Furby, un simpatico robottino di peluche che interagiva con me attraverso funzioni molto basiche.Me lo aveva regalato il fidanzato del momento, prendendone uno anche per sé, in modo che non si sentissero soli quando li lasciavamo a casa o chiusi in macchina, nell’attesa del nostro ritorno.A ripensarci oggi, dopo aver letto Kentuki, il romanzo di Samanta Schweblin pubblicato in Italia da SUR, provo una sensazione di straniamento misto a qualcosa di simile al terrore. Kentuki Non stiamo parlando di un futuro lontano o di una distopia.Il mondo dei kentuki – conigli, panda, topi, draghi, corvi di peluche, che al loro interno nascondono un software, telecamera e sensori – è il nostro mondo, quello che conosciamo bene e che ogni giorno ci porta qui, davanti a uno schermo acceso, a cercare informazioni, a condividere vicende, a cercare emozioni. Un mondo in cui si può scegliere se avere uno di questi pupazzi animati, diventando quindi un sorvegliato speciale, o se essere uno di essi, trasformandosi in un voyeur/angelo custode.Una realtà dove la tecnologia diventa feticismo e ossessione, dove da essa si pretende l’annientamento della solitudine e il controllo delle relazioni. Staccò i sigilli di garanzia e …

Continue reading
L'anno in cui imparai a leggere di Marco Marsullo

L’anno in cui imparai a leggere di Marco Marsullo

Si rischia di cadere nel banale quando si tratta di raccontare un romanzo come L’anno in cui imparai a leggere di Marco Marsullo, pubblicato da Einaudi.Il rischio è quello in cui ci si può imbattere quando si ha a che fare con quei libri che vengono unanimemente definiti “belli” ed “emozionanti”, perché si sa che in quest’epoca di rabbia, disagio e dolore, qualsiasi cosa propaghi bellezza ed emozioni positive tenda a passare per ordinaria e superflua.Non può però esserci nulla di banale in un romanzo che riscrive, tra lacrime di commozione e fragorose risate, il significato profondo della parola famiglia. L’anno in cui imparai a leggere Niccolò ha venticinque anni e un romanzo di successo alle spalle.Simona ha la stessa età ed è già madre.Un colpo di fulmine li unisce immediatamente in una Napoli accogliente e caciarona, dando vita a una relazione che subito deve fare i conti con la realtà e il senso del dovere di una mamma alle prese con un figlio di quattro anni, il piccolo e malinconico Lorenzo. Lorenzo non ha mai conosciuto suo padre. Simona lo ha incontrato durante l’Erasmus in Spagna e di quel bel ragazzo argentino non ha poi saputo più nulla, crescendo …

Continue reading