Non mi piacciono i film di Anna Magnani di Mario Pacelli

Non mi piacciono i film di Anna Magnani di Mario Pacelli

L’Italia è un paese pieno di segreti: la strage di Ustica, quella di Bologna e quella di Piazza Fontana, la loggia P2, l’omicidio Calvi, il rapimento di Moro, la sparizione di Emanuela Orlandi.Si potrebbe andare avanti a lungo, arrivando infine a citare il caso Wilma Montesi, probabilmene meno conosciuto ma altrettanto misterioso e, a quanto pare, altrettanto manovrato dai poteri forti.Mario Pacelli, ex funzionario della Camera dei Deputati, con Non mi piacciono i film di Anna Magnani, pubblicato dalla casa editrice Graphofeel, ha compiuto una puntuale ricostruzione dei fatti che seguirono il ritrovamento del cadavere di una giovane donna sulla spiaggia di Torvaianica nel 1953. Non mi piacciono i film di Anna Magnani Il cadavere era quello di Wilma Montesi, ventunenne romana di modeste origini e con aspirazioni cinematografiche, il cui decesso fu subito classificato come incidente.La giovane, secondo le prime ricostruzioni, era andata in spiaggia a fare un pediluvio per curare una vescica e, colta da malore, aveva finito per affogare in mare, senza nessun testimone. Qualcosa, però, parve subito non tornare.Perché Wilma aveva deciso di andare al mare dopo le 18? E perché alcuni suoi abiti e accessori non erano presenti sul luogo del ritrovamento? Quello del medico …

Continue reading
Il mare verticale di Brian Freschi e Ilaria Urbinati

Il mare verticale di Brian Freschi e Ilaria Urbinati

Quanti di noi provano sempre un certo pudore ad ammettere di aver sofferto o di soffrire di ansia e attacchi di panico?Accade perché, al di là del proprio carattere – più o meno riservato – e del proprio desiderio di raccontare una dolorosa esperienza, è raro sentirsi accolti e compresi quando di mezzo c’è il tema del disagio mentale.Ce lo fa comprendere bene Il mare verticale, bellissimo graphic novel scritto da Brian Freschi e disegnato da Ilaria Urbinati, pubblicato da Bao Publishing. Il mare verticale India è una maestra elementare e vive a Cesenatico.Ha un compagno che spesso è lontano per lavoro e che la lascia sola per lunghi periodi. India soffre di attacchi di panico. Improvvisamente tutto intorno a lei diventa oscuro e opprimente, il fiato le viene a mancare e i muscoli non rispondono più alla sua volontà.Poi, come sempre, tutto passa, lasciandola però ogni volta più sfinita e terrorizzata. Perché è la paura di perdere il controllo a spaventarla ancora più del momento stesso in cui la terra sotto i piedi crolla, ed è proprio quando un attacco la coglie in classe, davanti ai suoi amati scolari, che alla vita di India si aggiunge il pesante giudizio …

Continue reading
Sedici parole di Nava Ebrahimi

Sedici parole di Nava Ebrahimi

Sedici parole, romanzo d’esordio di Nava Ebrahimi pubblicato da Keller, non è solo una piacevole lettura.È un viaggio vero e proprio in Iran, nei suoi profumi più intensi, negli effluvi del cibo preparato nelle case semplici; un viaggio attraverso la polvere e i colori, accompagnati dai suoni del traffico, delle chiacchiere da mercato, dalle grida dei müezzin. Sedici parole Mona è nata in Iran ma da sempre vive in Germania, dove si mantiene facendo la ghostwriter e dove ha da poco intrecciato una relazione schietta e semplice con Jan, un uomo da cui non riesce ad aspettarsi grandi cose.È un rapporto d’amore e odio, invece, quello che la lega alla sua terra d’origine, in cui negli anni è tornata solo per amore della nonna, l’amatissima e sfacciata maman bozorg.La nonna che è venuta a mancare da poco e che, ancora una volta, pare è essere l’unico affetto capace di portare Mona ad affrontare il viaggio verso i luoghi da cui è più volte fuggita, attratta sì dalle proprie radici ma, allo stesso tempo, respinta dalle troppe contraddizioni di un paese diviso tra l’oro del passato e l’oscurità del presente. Prima di entrare in una moschea, ogni volta provo un senso …

Continue reading