L'eco delle balene di Sean Michaels

L’eco delle balene di Sean Michaels

Se non sapessimo che Lev Sergeevič Termen è realmente esistito, potremmo pensare che L’eco delle balene – il romanzo di Sean Michaels in libreria per Keller Editore – sia una lunga favola fantastica. Ma Léon Theremin ha vissuto realmente per quasi tutto il ventesimo secolo, muovendosi tra invenzioni straordinarie, una vita di lustrini e la durezza dei lavori forzati. L’eco delle balene Ecco come si suona un theremin: Lo accendi. Poi aspetti. Per diverse ragioni: aspetti per dare ai tubi il tempo di scaldarsi, come creature al loro primo respiro. Aspetti per intensificare la suspense del pubblico. E infine, per aumentare le tue aspettative. È eccitazione e terrore allo stesso tempo. Sei lì in piedi accanto a una custodia e due antenne, e di colpo lo spazio stesso viene attivato, la stanza si carica, l’atmosfera prende vita. Quel che era in potenza diventa potente. Ti immagini scintille, braci, minuscole particelle che s’illuminano in equilibrio nel vuoto dell’aria. Sollevi le mani. Prima la destra, verso l’antenna dell’intonazione e lo sentirai: ZIIIIOOOoo, un tubare elettrico che si assesta in un lungo inno. Allora sollevi la sinistra, verso l’antenna del volume, per smorzarlo. Muovi di nuovo le mani e l’apparecchio canterà. Il giovane …

Continue reading
I ragazzi della Nickel di Colson Whitehead

I ragazzi della Nickel di Colson Whitehead

Non è solo un romanzo I ragazzi della Nickel, opera ultima di Colson Whitehead appena pubblicata da Mondadori. Come già accaduto con La ferrovia sotterranea – Premio Pulitzer nel 2017 – tra le righe di questo nuovo libro si scorge un minuzioso lavoro di ricerca storica e di denuncia sociale, sulla scia della grande letteratura afroamericana di cui l’immensa Toni Morrison è stata una dei più noti rappresentanti. I ragazzi della Nickel Potevi cambiare la legge, ma non potevi cambiare le persone e il modo in cui si trattavano fra loro. Un ragazzino nero nell’America dei tempi di Martin Luther King dovrebbe sapere che non c’è nulla di utopico nel mondo. Dovrebbe mantenere alta la guardia e fidarsi più del proprio istinto che della ragione dei puri. Elwood Curtis è giovanissimo quando scopre il pensiero e le parole del reverendo King, da cui si lascia ispirare fino a diventare un militante dei diritti civili, nonostante il dissenso della nonna Harriet, con cui vive da quando i genitori lo hanno abbandonato fuggendo chissà dove. Secondo Harriet, Elwood dovrebbe accontentarsi di non essere ucciso, come è accaduto ai suoi avi, rei di essere negri in un mondo di oppressione e malvagità. Dovrebbe …

Continue reading
Meglio l'assenza di Edurne Portela

Meglio l’assenza di Edurne Portela

L’istinto mi diceva che avrei amato questo romanzo, ma non mi aveva detto quanto. Non mi aveva detto che l’avrei letto in poche ore e che poi lo avrei riletto subito, da capo, per imprimerlo nella profondità della memoria e non dimenticarlo mai più. Edurne Portela con Meglio l’assenza, pubblicato da Lindau, ha scritto un romanzo di formazione doloroso e autentico, sullo sfondo della storia basca ai tempi dell’ETA. Un libro che entra di diritto tra i migliori letti negli ultimi mesi. Meglio l’assenza Il romanzo di Edurne Portela intreccia una storia familiare di formazione con il tessuto politico e storico del Movimento Basco. Amaia è nata negli Anni 70 in un paese spezzato dal tormentato desiderio dell’indipendenza e falciato dal terrore di attentati, rapimenti e morti improvvise. Amaia non sa che tutta quella violenza sta a un passo da lei. Vive con i fratelli più grandi Kepa, Aitor e Aníbal e ancora non si rende conto che il padre (aita) Amadeo è complice di quell’orrore mentre la madre (ama) Elvira si fa connivente inconsapevole, per debolezza e puro egoismo. Per lei, ancora bambina, le scritte minacciose sotto casa sono scherzi incomprensibili. Per lei è inspiegabile la rabbia del fratello …

Continue reading