La lettrice geniale | il blog di Elena Giorgi
Bastava chiedere! Dieci storie di femminismo quotidiano di Emma

Bastava chiedere! di Emma

Non c’è molto che si possa dire sul graphic novel del momento oltre all’incitamento a comprarlo, leggerlo e diffonderlo il più possibile.Bastava chiedere! della francese Emma, pubblicato in Italia da Laterza, centra in pieno la questione del carico mentale, quel meccanismo vizioso che opprime buona parte delle donne, a casa ma anche sul lavoro. Bastava chiedere! Dieci storie di femminismo quotidiano Che cos’è il carico mentale?È la prima delle dieci storie raccontate da Emma a fare il punto sull’atteggiamento tipicamente maschile di comportarsi di fatto come un ospite nella propria casa e di non alzare un dito per la gestione delle faccende domestiche, attendendo che sia la donna a chiedere aiuto.Un atteggiamento che fa di questi maschi i semplici esecutori – quando va bene – di un piano organizzativo congegnato dalle donne, che portano quindi sulle proprie spalle un peso – fisico, mentale ed emotivo – troppo spesso sottovalutato.Un peso che può schiacciare e portare all’esaurimento, ancor di più quando viene minimizzato da chi, invece di sostenere, sbeffeggia con placido sarcasmo. Perché sarà capitato a tutte di raccogliere un calzino da terra con il semplice intento di buttarlo nel cestino della biancheria, finendo poi – trovando quel cesto pieno fino …

Continue reading
Il giorno mangia la notte di Silvia Bottani

Il giorno mangia la notte di Silvia Bottani

È un esordio deflagrante quello di Silvia Bottani, da poche settimane in libreria con il romanzo Il giorno mangia la notte, pubblicato da SEM.Un romanzo maturo, già caratterizzato da una voce autoriale forte, che scava nelle profondità più intime dei suoi personaggi senza però mai giudicarli perentoriamente.Il libro sarà protagonista dell’incontro del gruppo di lettura Absolute Beginners del mese di marzo nella libreria Scatola Lilla di Milano. Il giorno mangia la notte Milano, estate.Chi abita e conosce profondamente questa città la ritroverà in ogni pagina, quarta protagonista di una storia che come il fuoco scotta ma illumina.Chi, invece, di Milano ha in mente solo lo smog e i palazzi di vetro, qui troverà uno sguardo profondo e realistico sugli abissi meno noti e probabilmente più vivi e pulsanti. Naima ha venticinque anni, fa l’insegnante di sostegno, è nata in Italia e ha la pelle caffellatte del Marocco. Non pensava mai alle sue origini A meno che qualcuno non glielo facesse notare ma davanti ai ragazzi che le chiedevano località talvolta vacillava c’era un mondo fuori pronto e ricordarle che era solo per un semplice caso se lei non si trovava al loro posto che non era e non sarebbe mai …

Continue reading
Un intoppo ai limiti della galassia di Etgart Keret

Un intoppo ai limiti della galassia di Etgart Keret

Una domanda mi titilla da giorni: perché nessuno ha mai tratto una serie televisiva dai racconti di Etgart Keret?“Un mix di Ai confini della realtà e Bojack Horseman, non tanto per i temi quanto per l’atmosfera surreale e i toni sarcastici”, a questo ho ripetutamente pensato, pagina dopo pagina, leggendo Un intoppo ai limiti della galassia, l’ultima raccolta di dello scrittore israeliano, pubblicata da Feltrinelli. Un intoppo ai limiti della galassia Un racconto non è una pozione magica, o una seduta ipnotica, è solo un modo per condividere con gli altri ciò che provi, qualcosa di intimo, talvolta imbarazzante… Questo cerca di spiegare il protagonista di Todd all’omonimo amico, che gli ha chiesto di scrivere un racconto che seduca le donne e le faccia capitolare tra le sue braccia.Le parole hanno il potere di sedurre? Sì, certamente.Ma quelle che Keret utilizza per raccontarci l’assurda realtà che tutti viviamo, più che sedurre ipnotizzano e stupefanno. C’è chi tiene in salotto una Mustang rottamata e compressa in un cubo, nascondendo a chiunque la verità su quel bizzarro e raccapricciante complemento d’arredo.C’è chi ha bisogno di contatto umano e si affida a un servizio di vicinato virtuale.Chi è solo adolescente e va in …

Continue reading