La lettrice geniale | il blog di Elena Giorgi
Capacità vitale di Francesca Scotti

Capacità vitale di Francesca Scotti

Cambiare vita.Mai come in questi giorni stiamo tutti riflettendo su questo.Arriva quindi al momento giusto la lettura dell’ultimo romanzo di Francesca Scotti, Capacità vitale, pubblicato nel 2019 da Bompiani. Capacità vitale Adele è un giovane avvocato.Ha accettato di difendere due gemelli, allevatori di maiali accusati dalle associazioni animaliste di maltrattare le bestie già costrette a una atroce non-vita da allevamento intensivo. Rimasta orfana da bambina e cresciuta dai nonni, Adele è una donna molto trattenuta, apparentemente dura, immorale e insensibile.Ama avere il controllo della propria vita e non a caso pratica immersioni subacquee, un passatempo in cui rispettare le regole è necessario per non incappare in brutti incidenti. Sott’acqua ogni cosa è lenta, rallentata, sedata. Le parole mancano. Le onde sonore si propagano velocemente eppure si fatica a sentire. Quello che si sa è che si è resta in superficie. L’acqua è elemento, origine, solvente; il cervello è fatto d’acqua, l’acqua vedere con i miei occhi, pensa Adele. È proprio la momentanea perdita di controllo a salvarle la vita.In vacanza con amici appassionati di immersioni – Nora, Damiano, Enrico, poi il nuovo arrivato Matteo e la giovane Zoe – Adele subisce un lieve attacco di panico che la costringe a …

Continue reading
Il terzo matrimonio di Tom Lanoye

Il terzo matrimonio di Tom Lanoye

Il terzo matrimonio è un romanzo del 2006 dello scrittore belga Tom Lanoye, tradotto e pubblicato in Italia da Nutrimenti in un volume veramente raffinato, come sempre accade quando si parla della casa editrice romana: un’edizione bellissima, con carta beige e un po’ ruvida al tatto, e all’interno la rappresentazione dei magnifici delfini che più volte incontreremo nel corso della lettura, raffigurati sulle maioliche art déco della doccia, testimoni inconsapevoli di crisi e amplessi. Il terzo matrimonio L’omosessuale Maarten Seebregs è anziano, malato, vedovo e povero.Una vera sequenza di disgrazie, dall’ultima delle quali cerca di uscire accettando una strana proposta da parte di un losco individuo: “Ti sposi con lei, abiti con lei, vivi con lei. Ma se la tocchi ti ammazzo”.In cambio di un’ingente somma di denaro, Maarten deve sposare una giovanissima ragazza africana per farle ottenere la cittadinanza belga. La caratteristica principale del mio paese natale… la sua assenza di talento nel fornire un’arena per un autentico dramma. Fin dove arrivava lo sguardo, non c’era una sola cosa, un solo luogo con un’urgenza di essere ripreso o di essere teatro di dialoghi significativi. E così, sullo sfondo grigio e desolato delle Fiandre inizia questa storia, raccontata senza false …

Continue reading
Aglaja Veteranyi - Perché il bambino cuoce nella polenta

Le acrobazie di Aglaja Veteranyi

Ci sono colpi di fulmine che non sono poi così inaspettati.Due anni fa, leggendo le poche e immaginifiche pagine de Lo scaffale degli ultimi respiri, pubblicato in Italia da Keller nel 2011, sentii di aver ritrovato un pezzetto della mia anima nella scrittura di Aglaja Veteranyi.Un incontro letterario che sapeva di casa e famiglia. Aglaja Veteranyi Nata in Romania nel 1962, Aglaja Veteranyi ha lasciato questo mondo quarant’anni più tardi.Nel 2002, dopo aver passato tutta l’infanzia vagabondando per l’Europa e per il mondo e aver poi scelto la Svizzera come terra in cui fermarsi a quindici anni, Aglaja decise di suicidarsi gettandosi nel lago di Zurigo. Figlia di un clown e di un’acrobata che si esibiva appendendosi per i capelli al tendone del circo, la Veteranyi crebbe portandosi dentro l’opprimente e perenne senso di fuga dei rifugiati.La famiglia scappava dalla fame, dalle torture, dalla paura imposta dal regime di Ceausescu.Quella paura, per molto tempo – o forse per sempre -, fu parte di lei.La paura che il padre ubriaco diventasse molesto e che la madre, suo immenso punto di riferimento, si facesse male.La paura di non riuscire mai a sentirsi libera. Libera come avrebbe voluto essere, leggera come una farfalla …

Continue reading