Mara. Una donna del Novecento di Ritanna Armeni

Mara. Una donna del Novecento di Ritanna Armeni

Quanto ancora si può scrivere del ventennio fascista, senza perdere originalità e attrattiva?Ritanna Armeni – dopo una lunghissima e florida carriera di giornalista, saggista e conduttrice televisiva – riesce anche in questa impresa, pubblicando per Ponte alle Grazie il suo primo vero romanzo, Mara. Una donna del Novecento.Una storia solo apparentemente al femminile. Mara Mara è solo una ragazzina di tredici anni quando inizia a raccontarci la sua storia. Una delle tante ragazzine e donne invaghite del Duce, l’uomo possente che promette di difendere gli italiani, di proteggerli e di renderli sempre più ricchi invadendo altri paesi e soggiogando altri popoli.Con la sua amica Nadia ogni sabato Mara indossa la divisa delle Giovani Fasciste e in una Roma ancora apparentemente scintillante e fiorente partecipa agli incontri organizzati dal regimr, con quell’esaltazione adolescenziale che non vede altro che i pregi dei propri miti. Abbiamo visto il Duce, innanzitutto, che ha pronunciato un discorso magnifico. È straordinario, forte e buono, il suo volto dà fiducia, quando fa il saluto romano strappa un urlo di gioia. Il grido «Duce, Duce» viene proprio dal cuore. È un mondo al maschile quello dei fasci. Le donne devono essere brave mogli e buone madri, disposte a …

Continue reading
Lo specchio di Tina. Vita e immagini di Tina Modotti di Cinzia Ghigliano

Lo specchio di Tina. Vita e immagini di Tina Modotti di Cinzia Ghigliano

Chi ancora non conosce Tina Modotti avrà modo di recuperare leggendo questo graphic novel disegnato da Cinzia Ghigliano e pubblicato da Contrasto.Chi, come me, da sempre ammira la vita e lo straordinario lavoro fotografico della comunista friulana trapiantata in Messico, ne Lo specchio di Tina troverà un appassionato e molto ben approfondito punto di vista, sviluppato con tavole belle da togliere il fiato. Lo specchio di Tina Libera, istintiva, curiosa, sensuale e sensibile, Tina Modotti – nata a Udine nel 1986 ed emigrata in America nel 1913 – è stata musa, attrice, fotografa, attivista politica e oggi è considerata un’icona al pari di Frida Kahlo, con cui si vocifera pure di un flirt passionale oltre che intellettuale.Tinissima era il soprannome datole dalla madre. Un superlativo che fu un secondo battesimo, di quelli che probabilmente forgiano il carattere e aprono una via. Cinzia Ghigliano qui punta il riflettore non tanto sul personaggio quanto sulla donna Tina, sulle sue fragilità e sulla sua straordinaria forza di resistere alle difficoltà, che esse derivassero dalle relazioni amorose – il matrimonio con il pittore Roubaix de l’Abrie Richey, la relazione clandestina con il fotografo Edward Weston – o dalla presa di coscienza di un mondo …

Continue reading
Gli occhi vuoti dei santi di Giorgio Ghiotti

Gli occhi vuoti dei santi di Giorgio Ghiotti

Vorrei avere lo stesso sguardo sul mondo che ha Giorgio Ghiotti, capace di tramutare la vita in istantanee verbali potenti come la verità e delicate come i ricordi. Ne Gli occhi vuoti dei santi, la raccolta di racconti uscita in libreria per Hacca, questo sguardo limpido e penetrante non può che confermare la maturità di un indiscutibile talento narrativo. Gli occhi vuoti dei santi Sono dodici i racconti con cui Ghiotti ci accompagna nella vita di persone comuni, impudiche nel rivelare i propri intimi pensieri, nel mostrare la vulnerabilità che li accompagna sempre e ovunque, nell’esprimere la ferocia di pensieri momentanei e di gesti improvvisi. Come nel finale inaspettato e sconvolgente di Sacra Famiglia in fiamme, che ribalta, travolge e trasforma in tragedia la normalità di una famiglia come tante. Mio padre vi dà il pane ogni giorno! avrei voluto gridare al microfono, Sono fiero di lui! A quel tempo ero davvero orgoglioso di lui, mi sembrava il lavoro più importante del mondo impastare farina e lievito perché sfamare un quartiere vuol dire anche avere il potere di deciderne la sopravvivenza. Nessuno sapeva fare il pane; i genitori dei miei compagni di scuola erano ottimi banchieri, agenti immobiliari, parrucchiere in …

Continue reading