Uno di noi di Daniele Zito

Uno di noi di Daniele Zito

Spesso si dice di un libro che sia “necessario”, abusando di questo aggettivo al punto da ottenere il risultato contrario all’intenzione, allontanando i lettori e rendendo quel libro tutto fuorché indispensabile.Con Uno di noi, opera ultima di Daniele Zito, pubblicata da Miraggi, mi trovo però costretta a dire che in Italia, nell’attuale momento storico e politico, nessun libro sia più necessario di questo. Uno di noi Viene subito in mente il concetto di banalità del male, così ben espresso dalla filosofa Hannah Arendt nell’omonimo libro: sono realmente e intrinsecamente cattivi i quattro amici di vecchia data che una sera, dopo la consueta partita di calcetto, appiccano il fuoco a una baraccopoli?O sono solo dei poveri inetti, superficiali oltre ogni buon senso, che si sono lasciati trascinare dalle parole violente ed estremiste di chi sta al potere e grida “È finita la pacchia!” e “Prima gli italiani?”. visto quante fiamme?visto come strillavano?che goduria, ragazzi, che goduria li abbiamo proprio castigati tempo due giorni e saranno via dalle palle abbiamo bonificato la zona l’abbiamo derattizzata gli abbiamo fatto capire chi è che comanda Quattro buoni padri di famiglia che dopo aver devastato la vita di persone ree di essere diverse, tornano a …

Continue reading
Opera di Kyo Maclear e Byron Eggenschwiler

Opera di Kyo Maclear e Byron Eggenschwiler

In questi giorni sta ricominciando l’anno scolastico. Vedo i mezzi pieni di ragazzini e adolescenti, pronti ad affrontare un periodo della vita che ho sempre creduto di non voler rivivere mai. Opera, graphic novel scritta da Kyo Maclear, disegnata da Byron Eggenschwiler e pubblicata da Edizioni BD, per un’ora mi ha riportata alle scuole medie e, incredibilmente, ho provato un’inaspettata tenerezza, invece di un presumibile e fastidioso terrore. Opera Charlie sta frequentando l’ultimo anno delle scuole medie. L’entusiasta professore di musica ha assegnato alla classe un compito speciale: trovare la propria canzone, quella che più li rappresenti e li faccia stare bene. Un compito non semplice, perché sono davvero tanti i generi da cui attingere e perché il canto e la musica sono stati anche l’apparente causa dell’allontanamento di Luka dalla scuola. Luka, un ragazzo diverso da tutti gli altri. Eccentrico nel vestire, fin troppo curato per essere un adolescente, attratto dalle arti e dotato di una voce sublime, che non ha mai nascosto ai compagni, fino al giorno in cui la pressione degli sguardi altrui è diventata così pesante da rendergli insopportabile la presenza a scuola. Essere anonimi è meglio che essere un emarginato. Luka avrebbe fatto meglio a …

Continue reading
L'eco delle balene di Sean Michaels

L’eco delle balene di Sean Michaels

Se non sapessimo che Lev Sergeevič Termen è realmente esistito, potremmo pensare che L’eco delle balene – il romanzo di Sean Michaels in libreria per Keller Editore – sia una lunga favola fantastica. Ma Léon Theremin ha vissuto realmente per quasi tutto il ventesimo secolo, muovendosi tra invenzioni straordinarie, una vita di lustrini e la durezza dei lavori forzati. L’eco delle balene Ecco come si suona un theremin: Lo accendi. Poi aspetti. Per diverse ragioni: aspetti per dare ai tubi il tempo di scaldarsi, come creature al loro primo respiro. Aspetti per intensificare la suspense del pubblico. E infine, per aumentare le tue aspettative. È eccitazione e terrore allo stesso tempo. Sei lì in piedi accanto a una custodia e due antenne, e di colpo lo spazio stesso viene attivato, la stanza si carica, l’atmosfera prende vita. Quel che era in potenza diventa potente. Ti immagini scintille, braci, minuscole particelle che s’illuminano in equilibrio nel vuoto dell’aria. Sollevi le mani. Prima la destra, verso l’antenna dell’intonazione e lo sentirai: ZIIIIOOOoo, un tubare elettrico che si assesta in un lungo inno. Allora sollevi la sinistra, verso l’antenna del volume, per smorzarlo. Muovi di nuovo le mani e l’apparecchio canterà. Il giovane …

Continue reading