L'ultimo amore di Baba Dunja di Alina Bronsky

L’ultimo amore di Baba Dunja di Alina Bronsky

A fine romanzo vorrete provare per la vostra casa e la vostra terra lo stesso amore che Baba Dunja prova per il suo paese ormai radioattivo. È sicuramente questo il più meritevole lascito del piccolo grande romanzo L’ultimo amore di Baba Dunja, scritto dalla russa naturalizzata tedesca Alina Bronsky e pubblicato nel 2016 da Keller. L’ultimo amore di Baba Dunja Černovo è un piccolo paese a pochi chilometri da Chernobyl, dove ormai gli esseri umani non mettono più piede se non avvolti da pesanti e spesse tute bianche.Il 1986 è da poco passato, con quel reattore infuocato e la sua pingue scia di morti e sfollati. Gli animali, l’aria, le verdure dell’orto, gli oggetti, l’acqua, tutto quanto a Černovo fa vibrare pesantemente i misuratori che sempre più raramente vengono portati dagli uomini dello stato, studiosi e soldati mandati a verificare le conseguenze di quella che è stata la più grande tragedia radioattiva del ventesimo secolo.Baba Dunja è ormai così anziana da non temere di morire per le radiazioni che continuano a infettare il terreno e ogni cosa con esso confinante. Ai tempi dell’ incidente nucleare, mi ritenevo tra quelli che se l’erano cavata meglio. I miei figli erano al sicuro, …

Continue reading
Quasi tutto velocissimo di Christopher Kloeble

Quasi tutto velocissimo di Christopher Kloeble

C’è di tutto e anche di più in Quasi tutto velocissimo, romanzo di Christopher Kloeble recentemente pubblicato da Keller.Ci sono misteri da scoprire e storie d’amore certamente non banali, divertenti avventure on the road e piccoli insegnamenti da trarre. C’è soprattutto la grande Storia, quella di un piccolo paese che riflette la ben più complessa visione dell’intera Germania tra le due guerre. Quasi tutto velocissimo Albert ha diciannove anni e suo padre Fred sta morendo.Mancano pochi mesi e poi quel loro rapporto così intermittente e bizzarro cesserà di esistere.Perché Fred non è un padre come gli altri, presente, autorevole, protettivo. Fred è un klöble, un ritardato, un bambino mai cresciuto nonostante i suoi quasi sessant’anni. Albert non ha mai conosciuto sua madre. Quando era piccolo – dopo la morte di Anni, mamma di Fred – è stato portato in un orfanotrofio, dove suor Alfonsa se n’è occupata con pragmatismo ed efficienza, senza troppe smancerie e con il preciso scopo di renderlo un adulto indipendente. Perché Albert, su quel padre alla Forrest Gump non ha mai potuto contare troppo. Per Fred le priorità sono sempre state altre: contare le automobili verdi che passano dalla fermata del bus, leggere il dizionario e …

Continue reading
Kramp di Maria José Ferrada

Kramp di Maria José Ferrada

Ci sono romanzi che dimostrano che non siano necessarie centinaia e centinaia di pagine per raccontare storie potenti e indelebili.Kramp di Maria José Ferrada, pubblicato da Edicola Ediciones, è sicuramente uno di questi, con le sue centoventi pagine che magistralmente narrano la fine dell’infanzia della piccola M nel Cile degli Anni 70. Kramp L’uomo è appena arrivato sulla Luna, dimostrando al mondo che tutto è possibile se si mette in viaggio con entusiasta volontà. M è solo una bambina di sette anni quando inizia a seguire D, il padre commesso viaggiatore rappresentante del marchio di prodotti da ferramenta Kramp.Una bambina già fin troppo adulta, cresciuta in fretta nell’assenza dei genitori e la cui educazione è fatta di empirismo e deduzione. Tutto quello che venne dopo fu possibile grazie al fatto che mia madre era assente. Non perché uscisse spesso di casa, ma perché una parte di lei ne aveva abbandonato il corpo e si rifiutava di tornare. Forse quel frammento di mia madre faceva l’astronauta, ed era stato in uno dei suoi viaggi nello spazio che aveva incrociato D (che dal giorno dell’allunaggio aveva l’abitudine di guardare il cielo di tanto in tanto) e aveva deciso che la parte di …

Continue reading