Le impressioni di Berthe di Stella Stollo

Nell’epoca dei (troppi) libri dedicati a bambine, ragazze e donne ribelli, pare che nelle arti figurative solo la pittrice messicana Frida Kahlo abbia diritto d’essere nominata. A volte si fa cenno anche alla cinquecentesca Artemisia Gentileschi, ma, nel pensiero popolare, il predominio di Frida come esempio di artista femminista, testarda, libera, risulta essere davvero imbattibile. Per questo mi ha sorpreso molto felicemente leggere la vita della pittrice impressionista Berthe Morisot, musa di Édouard Manet e moglie del fratello Eugène, reinterpretata con puntualità e passione da Stella Stollo nel romanzo Le impressioni di Berthe, pubblicato da Graphofeel. Le impressioni di Berthe Siamo a Parigi nel 1896. A un anno esatto dalla morte di Berthe, la figlia Julie e la sorella Edme, aiutate dai colleghi della pittrice – artisti del calibro di Jean Renoir, Edgar Degas, Claude Monet e Stéphane Mallarmé – sono alle prese con l’allestimento di una grande retrospettiva dedicata a quella che fu l’unica donna del “gruppo degli indipendenti”, i futuri maestri impressionisti. Tra battibecchi e condivisione dei ricordi, il gruppo si trova a prendere in mano i dipinti più importanti, che segnarono la vita di Berthe e che qui diventano l’azzeccatissimo espediente narrativo utilizzato dalla Stollo per raccontare …

Continue reading