Si sorride amaramente con Il circolo degli ex, nuovo romanzo di Massimo Vitali pubblicato da Sperling & Kupfer, e l’amaro deriva dal fatto che tutti noi, almeno una volta nella vita, anche se non lo ammetteremmo mai, siamo stati come Pietro e i suoi amici: innamorati delusi che non riescono ad andare avanti.

Il circolo degli ex

Pietro si è lasciato per l’ennesima volta con Ginevra, la donna che dice e crede di amare, nonostante un continuo tira e molla che ha sfiancato anche le amiche e gli amici che gli gravitano attorno.

Anche Pablo, amico del cuore di Ginevra, non ha più molto da dire sulla loro relazione logora e probabilmente irrecuperabile, ma una sera si ritrova al bar ad ascoltare per l’ennesima volta lo sfogo di Pietro.
E visto che Pablo riconosce di avere un problema con il bere e pensa di iniziare a frequentare un gruppo di sostegno, a Pietro viene la stessa idea: perché non dare vita a un gruppo di innamorati anonimi che si riuniscono per sfogarsi e confrontarsi sulle loro storie d’amore finite e ancora non superate?

È così che con Cesare, il suo migliore amico che ha da poco chiuso la sua storia d’amore ventennale con Laura, ed Emma, l’amica di gioventù con cui non è mai scattato nulla e che fatica a riprendersi dalla fine della relazione con il padre di suo figlio, organizza gli incontri che si svolgeranno una volta a settimana e che saranno aperti a chiunque ne abbia bisogno.
A loro si aggiungono anche Erica – la ragazza con cui Pietro ha tentato di superare il pensiero ossessivo per Ginevra, fallendo miseramente – e Pierre, l’insegnante di francese di Pietro, entrambi reduci dal fallimento delle loro relazioni di lunga data.

Cosa fondamentale per sentirsi parte del gruppo è aderire al decalogo scritto da Pietro, un’illuminante riassunto di tutto ciò che succede a un innamorato cronico infelice.

2. Amare qualcuno è un privilegio. Se per qualsiasi motivo ci viene tolto, la storia dell’umanità ci insegna che possiamo sempre trovarne un altro. Nessuno sarà uguale al precedente, e già con questo presupposto possiamo considerarci persone in grado di passare alla storia.

Grazie anche all’effetto positivo del gruppo, Pietro riesce ad aprirsi nei confronti di una ragazza che ha però un enorme difetto: si chiama Ginevra e questo non può che tenere ancora vivi certi slanci nei confronti della ex.

Con Ginevra, la nuova, pare che però le cose funzionino davvero, almeno fino a quando Ginevra, la vecchia, ricompare casualmente e improvvisamente nella vita di Pietro.

Da più di quattro mesi sono sempre triste ma ora ho capito che la mia tristezza non è reale. A me non manca a Ginevra, ma l’immagine che mi ero fatto di lei. Una proiezione tutta mia, come un film al cinema per un solo spettatore che perde la testa per un personaggio, ma non per l’attrice che lo interpreta.

Da qui in poi la commedia messa in scena da Vitali assume toni così surreali da fare il giro e diventare molto più che reali, mostrando una verità scomoda e addirittura fastidiosa, che fa venire voglia di menare le mani sul protagonista Pietro, che altro non è che un essere profondamente umano alle prese con sentimenti irrisolti.

Che si sia stati lasciati o che si abbia lasciato, siamo tutti stati Pietro, Emma, Ginevra, Cesare e gli altri innamorati delusi e confusi che gravitano nella pagine de Il circolo degli ex.
La bravura dell’autore è soprattutto nell’aver saputo osservare e riportare lucidamente tutto ciò in pagine che scorrono leggere, pur riuscendo a far riflettere sul non semplice equilibrio su cui si poggiano le relazioni amorose ma anche amicali.

Quello che ho capito è che quando pensiamo di amare qualcuno e vorremmo riempirlo di baci, stare sempre con lui e sentirlo ogni momento, dobbiamo chiederci prima di tutto se siamo capaci di vedere veramente l’altro. Se ci interessa perché è un essere umano unico e speciale, oppure se lo stiamo considerando solo in quanto possibile fidanzato, fidanzata, amore.

Il circolo degli ex è un piacevole romanzo che intrattiene ma che sa anche colpire nel segno, ricordandoci che non c’è nulla di più difficile che relazionarsi con il prossimo, soprattutto quando siamo convintə di amarlo (a modo nostro).

un libro per chi: ha da poco chiuso una relazione e ha bisogno di comprensione

autore: Massimo Vitali
titolo: Il circolo degli ex
editore: Sperling & Kupfer
pagg. 384
€ 16.90

Clicca QUI per acquistare questo libro e sostenere la libreria indipendente La Scatola Lilla.


Elena Giorgi

Emiliano-romagnola, ragazzina negli anni ’80, si è trasferita a Milano nel 2008 e per molto tempo è stata un angelo custode di eventi. Oggi lavora tra sport e turismo, anche se a vederla non si direbbe. Da anni si occupa anche di libri: modera incontri letterari, ha ideato e realizzato la rassegna Segreta è la notte e conduce un gruppo di lettura dedicato ai romanzi di esordienti italiani. Pratica mindfulness e ogni giorno sceglie di sorridere. È meno cattiva di quello che sembra e vorrebbe morire ascoltando “La Bohéme” di Puccini.

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.