La libreria della rue Charras di Kaouther Adimi

La libreria della rue Charras di Kaouther Adimi

Saranno coincidenze o sarà che – visto il clima politico – sono costretta a essere molto più sensibile verso certi temi, ma ultimamente m’imbatto spesso in libri che parlano di resistenza e integrazione, e che mettono al centro la cultura quale arma più forte per combattere integralismo e razzismo. È il caso del bel romanzo uscito a maggio per L’Orma e scritto dall’algerina Kaouther Adimi, La libreria della rue Charras, che si ispira alla vita del libraio ed editore Edmond Charlot, che nell’Algeri degli anni ’30 diede vita alla libreria Les Vrais Richesses e alle Edizioni Charlot. La libreria della rue Charras Sarai solo, perché per perdersi e vedere tutto bisogna essere soli. Ci sono città, e Algeri è una di queste, in cui qualsiasi compagnia è di troppo. Ci si passeggia come ci si abbandona alle fantasticherie, con le mani in tasca e il cuore stretto. Chi viaggia in solitudine non può che ritrovarsi in queste parole, che accolgono il lettore nelle prime pagine. Il romanzo, attraverso un immaginario diario tenuto da Edmond Charlot, scatta un’istantanea all’Algeria sotto il dominio francese, ma anche al terribile periodo della Seconda Guerra Mondiale e al feroce razzismo perpetrato dai francesi sugli indigeni …

Continue reading
Memoria di ragazza

Memoria di ragazza: Annie Ernaux e Simone de Beauvoir

In questo periodo si parla tanto di girl power, di femminismo, di indipendenza, di #metoo e di condizione femminile. Sarà per questo che ho ripreso in mano il classico di Simone de Beauvoir e negli stessi giorni ho voluto leggere anche le memorie di Annie Ernaux. Due scrittrici francesi, nate a meno di quarant’anni di distanza, così vicine nel pensiero e così importanti per tutte noi, donne e lettrici. Due storie, la prima scritta nel 1958, la seconda ambientata in quello stesso anno, che dopo sessanta anni hanno ancora tantissimo da dirci. Memorie d’una ragazza perbene di Simone De Beauvoir L’autobiografia della de Beauvoir è un pilastro della letteratura. Non femminile, non sociale, non storica. Letteratura e basta, senza classificazioni schematiche o indirizzata a particolari bacini di pubblico. Memorie di una ragazza perbene racconta con cura quasi maniacale l’infanzia e la giovinezza della de Beauvoir, fino all’incontro con Sartre, il filosofo che sarà l’amore della sua vita. Simone fin da bambina sa di essere diversa dalle altre: non sogna il matrimonio, non ambisce alla tranquilla vita agiata di moglie e madre, non pensa a se stessa come a una donna che deve fare la donna. Simone sa che vuole studiare, …

Continue reading