Ragazze elettriche di Naomi Alderman

Ragazze elettriche di Naomi Alderman

Il potere di fare del male è uno stato di benessere. È questa la citazione che più di tutte mi ha colpita, leggendo l’ormai (giustamente) noto romanzo distopico scritto dall’inglese Naomi Alderman, Ragazze elettriche. Un romanzo di 446 pagine, che ho letteralmente divorato in un weekend, a volte scossa dall’orrore di certe immagini ma sempre più incuriosita dalla costruzione di una trama spiazzante e sconvolgente. Un libro che vi consiglio di leggere e di far leggere, soprattutto ai giovani, come punto di partenza per interessanti discussioni su civiltà e sentimenti. Ragazze elettriche Il romanzo della Alderman si svolge in un’epoca indefinibile. È il passato o è il futuro? Per quanto ci si arrovelli lungo il racconto, questo rimane un mistero ed è il primo elemento che fa vacillare le nostre certezze. Tutto inizia con il potere (The Power è il titolo originale del romanzo) che, da un giorno all’altro, si sviluppa in alcune ragazze. Grazie a una piccola matassa di filamenti che si trova accanto alle clavicole, le giovani donne riescono a produrre e lanciare dalle mani scariche elettriche in grado di ferire e, addirittura, uccidere i destinatari. Ora, immaginate se questa capacità si fosse sviluppata in tutte quelle donne …

Continue reading