Metodo Srebrenica di Ivica Dikic

Metodo Srebrenica di Ivica Đikić

Esattamente venticinque anni fa, l’11 luglio 1995, veniva perpetrato il più grande genocidio della recente storia europea, da tutti ormai conosciuto con il nome di massacro di Srebrenica.Il giornalista e scrittore Ivica Đikić ha lavorato per oltre dieci anni per dare alla luce, nel 2016, il romanzo documentario Metodo Srebrenica, ora pubblicato in Italia da Bottega Errante. Metodo Srebrenica La dissoluzione della ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia è un capitolo della storia ancora oscuro a parecchi. Sono fatti troppo recenti per essere affrontati con cura negli odierni programmi scolastici, mentre appaiono molto distanti e sfocati per chi era già adulto negli anni 90.Nonostante le gravi lacune di molti di noi, è sempre apparso come semplicistico dare alla smania di potere tutta la responsabilità delle mire espansionistiche di Croazia e Serbia, tralasciando le questioni etniche che furono alla base dei tentativi di annessione dei territori della Bosnia ed Erzegovina. Quel che accadde tra il 1992 e il 1995 in quel pezzetto d’Europa andò ben oltre la spartizione di terre e la rielaborazione di confini.C’erano di mezzo la religione, la cultura, le tradizioni e la razza.C’era una pulizia etnica da portare avanti, senza nemmeno nascondersi troppo davanti agli occhi di un …

Continue reading
Il popolo del diluvio di Predrag Finci

Il popolo del diluvio di Predrag Finci

La storia ciclicamente si ripete e l’uomo, che tende a dimenticarla, ha sempre bisogno di un memento a cui tornare. Ecco cosa è stato per me Il popolo del diluvio, romanzo autobiografico e saggio filosofico di Predrag Finci, pubblicato in Italia da Bottega Errante. Una lettura dolorosa e scarnificante, profonda e necessaria, per tornare a ricordare un periodo storico recente eppure già lontano. Il popolo del diluvio Nel 1992 Finci aveva quarantesei anni ed era professore di filosofia all’Università di Sarajevo, allora ancora città jugoslava. Costretto come tanti connazionali a fuggire dalla sanguinosa guerra che sta devastando i Balcani, Finci si ritrova profugo in viaggio verso un doloroso esilio, annientato dall’abbandono della terra visceralmente amata. Lo straziante viaggio verso Londra è il punto di partenza di un racconto complesso e nostalgico, straziante e rassegnato. Salito in piena notte su una corriera piena di uomini e donne che cercano salvezza, Finci vive il distacco dalla Bosnia come un orribile sogno, uno stato di dormiveglia soffocante che diventa rifugio della memoria. Il sogno: mi sembra a un tratto che questa guerra spaventosa non possa essere reale, che sia solo un incubo notturno, poiché non riesco a concepire tanta follia, non posso accettare …

Continue reading
I cancellati di Miha Mazzini

I cancellati di Miha Mazzini

C’è una piccola casa editrice friulana che volge lo sguardo al Nord Est d’Italia, ai Balcani ma anche al Medio Oriente, pubblicando libri che raccontano la storia di quelle terre e dei loro confini, spesso vergati da guerre e calamità naturali, ma ricchi di umanità, di sapori e di strade da percorrere. Si chiama Bottega Errante e quest’anno ha pubblicato I cancellati, romanzo di Miha Mazzini, uno dei più importanti autori sloveni. Un romanzo basato su fatti realmente accaduti nel 1992, atroci e sconvolgenti come solo l’inerzia burocratica ancorata al razzismo e al totalitarismo sa essere. I cancellati Il libro di Mazzini non è finzione letteraria. Raccontandoci la storia di Zala, giovane educatrice che partorisce un figlio senza padre nell’ospedale della città in cui vive da tantissimi anni, Miha Mazzini ci racconta la storia dei 25.000 cancellati che il 26 febbraio 1992 persero, senza preavviso alcuno, il diritto di residenza nella Repubblica di Slovenia. Migliaia di persone appartenenti alle diverse etnie facenti parte dell’ex Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia furono cancellate dai Registri di Residenza Permanente della Repubblica di Slovenia, divenendo quindi apolidi privati dei diritti umani di base. Zala entra in ospedale convinta di essere slovena ma, al momento …

Continue reading