La treccia di Laetitia Colombani

La treccia di Laetitia Colombani

In Emilia, in un vecchio cassetto di una camera da letto, fino a pochi giorni fa era custodita una lunga e pesante treccia di capelli castani dai riflessi dorati. La mia, tagliata come atto di ribellione quando avevo 11 anni e conservata con amore da mia madre, perchè nella vita non si sa mai. Sarà stata questa magica coincidenza a farmi sentire così vicina a La treccia, il romanzo della francese Laetitia Colombani, uscito la scorsa settimana per Editrice Nord. Un libro che in Francia, dopo mesi in classifica, è diventato un caso editoriale, oggi tradotto in tutto il mondo. Una storia importante e commovente, sulla grande forza delle donne e sulla nostra capacità di rinascere ed evolvere dopo ogni momento buio. La treccia Tre sono le protagoniste del romanzo della Colombani. Tre donne diversissime tra loro, che non si conoscono e che non s’incontreranno mai. Smita vive in India. È una dalit, un’intoccabile fuori casta che vive ai margini della società, costretta a ripulire dagli escrementi le latrine degli appartenenti alle caste superiori. Il marito di mestiere scaccia i ratti dai campi e li porta in tavola per cena. Poi c’è la piccola Lalita che, per volere di Smita, …

Continue reading
La bambina nel buio di Antonella Boralevi

La bambina nel buio di Antonella Boralevi

Bisogna ammettere che per me non è stato facile ingranare la marcia con La bambina nel buio, il nuovo romanzo di Antonella Boralevi: una scrittura fin troppo ricca di dettagli, arzigogolata ed eccessivamente descrittiva, che si muove su piani spazio-temporali diversi, che all’inizio non è semplice seguire. Eppure, un insolito prurito morboso mi ha spinta ad andare avanti ed è stato un bene perché, passato lo scoglio delle prime 150 pagine, ho intravisto il fulgore dell’intreccio e da lì, poi, non mi sono più fermata. La bambina nel buio 1985, campagna veneta. Sono gli anni di quel boom economico che concede agli uomini di buon fiuto di arricchirsi ed entrare nel gotha dei miliardari. Paolo e Manuela Zanca, i parvenu belli e apparentemente innamorati, stanno dando una sfarzosa festa per celebrare i loro vent’anni di matrimonio. Sono al centro del mondo, la loro splendida villa, e si lasciano fintamente venerare dagli amici nobili, snob altrettanto miliardari che fingono di dimenticare le modeste origini della coppia. Paolo s’è fatto da sé, con una piccola idea geniale che lo ha portato, in breve tempo, a fare i soldi veri, quelli che ti concedono di spendere milioni in belle auto, gioielli, arredi importanti …

Continue reading
12 storie di dischi irripetibili, musica e lampi di vita Carlo Boccadoro

12 storie di dischi irripetibili, musica e lampi di vita di Carlo Boccadoro

Ci sono due modi per leggere 12 storie di dischi irripetibili, musica e lampi di vita di Carlo Boccadoro, uscito per SEM lo scorso gennaio. Il primo è quello di prendersi qualche ora, per divertirsi nella lettura del saggio e memoir del compositore, musicista e musicologo Boccadoro. Il secondo, un pochino più impegnativo, è quello di prendersi qualche giorno, per alternare la lettura di ogni capitolo all’ascolto del disco a cui è dedicato. Io ho scelto la seconda modalità e devo dirvi, lettrici e lettori geniali, che oltre a essermi divertita tantissimo, adesso mi sento anche un pochino più colta, tanto da considerarmi addentro alle dinamiche musicali non convenzionali di questi folli artisti capaci di incidere dischi con il coro di trecento tacchini. 12 storie di dischi irripetibili, musica e lampi di vita È decisamente un memoir quello che Boccadoro ha scritto, riportando su carta i ricordi legati ai suoi primi approcci alla musica ma anche le vicende quotidiane del compositore. Ritroviamo quindi aneddoti spiritosissimi del giovane Carlo che va a comprare dischi (e forse, seppur negandolo fermamente, uno di quei vinili era inciso nientepopodimeno che dai Ricchi e Poveri!), ma anche dello studente che impara a contare le battute …

Continue reading