Il silenzio dei satelliti di Clemens Mayer

Il silenzio dei satelliti di Clemens Meyer

Con il romanzo Eravamo dei grandissimi il tedesco Clemens Meyer era riuscito a farci vivere i sogni rivolti ai miraggi dell’ovest di quattro giovani dell’est alle prese con la caduta del muro e le sue conseguenze. Con la raccolta di racconti Il silenzio dei satelliti, lo scrittore contemporaneo che più di ogni altro ha saputo raccontare la transizione dei giovani verso l’apparente libertà dell’occidente scatta istantanee della vita quotidiana di chi, dopo la caduta, è rimasto fermo immobile, attaccato alle obsolete battaglie perse, e di chi, pur con fatica, ha accettato di rimettersi in gioco, raccogliendo i cocci – minuscoli e affilati – di ciò che è stato spezzato dal cambiamento. Il silenzio dei satelliti Non è sbagliato definire vinti i personaggi raccontati da Meyer nella Germania decadente di oggi, alle prese con crisi, povertà e immigrazione. Un crocevia di solitudini raccontate con sguardo onesto ed empatico, tanto realistico quanto poetico: c’è il guardiano di un palazzone, l’oggetto 95, che si lascia andare a un tenero e sincero interesse per una giovane ospite del campo profughi confinante; ci sono due donne che diventano amiche la sera in un bar, raccontandosi ciò che rimane di una vita fatta di lavoro e …

Continue reading
C'era una volta un passero di Alejandra Costamagna

C’era una volta un passero di Alejandra Costamagna

Quando vedo libri di cinquecento, seicento, settecento pagine, storco sempre il naso. Il mio primo banalissimo pensiero è: cosa avrai mai da raccontarmi, caro autore, che non possa essere fatto con duecento o trecento pagine in meno? Allo stesso modo, pungolata da un pregiudizio della stessa specie, i libri molto brevi m’instillano il dubbio che qualcosa possa essere sfuggito e che la superficialità possa aver avuto la meglio. Non è quest’ultimo il caso di C’era una volta un passero, breve raccolta di racconti di Alejandra Costamagna, pubblicata nel 2016 dalla casa editrice italo-cilena Edicola Ediciones. C’era una volta un passero I  tre racconti brevi ambientati in Cile durante gli anni della dittatura di Augusto Pinochet, hanno un’intensità tale da restituire al lettore un intero mondo di umanità ed emozioni. Le storie raccontate hanno per protagoniste ragazze adolescenti e preadolescenti, costrette a fare i conti con il devastante ma silente cambiamento delle loro condizioni familiari, dovuto all’instaurazione della dittatura e alle conseguenti epurazioni che hanno toccato le famiglie di persone comuni. Una realtà immobile ma estremamente pericolosa, che condiziona le loro vite ma di cui, in fondo, non comprendono la vera essenza, escluse da qualsiasi informazione che dovrebbe giungere loro dagli …

Continue reading
Un luogo dove non sono mai stato di David Leavitt

Un luogo dove non sono mai stato di David Leavitt

Non aveva nemmeno trent’anni David Leavitt quando scrisse Un luogo dove non sono mai stato, ripubblicato da SEM dopo la prima uscita per Mondadori. Il libro, una raccolta di dieci racconti che hanno come tema primario l’omosessualità e le relazioni familiari e amorose, è un imperioso e malinconico tuffo negli anni Ottanta, epoca che vide diffondersi l’AIDS e la conseguente fobia nell’ambiente gay e in tutta la società. Un luogo dove non sono mai stato Con il consueto stile minimalista, a tratti addirittura così scarno da far trapelare una certa urgenza di scrivere, Leavitt racconta le storie di diversi personaggi accomunati dalle difficoltà di vivere appieno il proprio orientamento sessuale e alla disperata ricerca dell’amore al tempo dell’Aids. C’è Nathan, gay sieropositivo, che in nome dell’amicizia sottrae vita all’amica Celia, da sempre innamorata di lui. C’è una coppia di donne, ormai scoppiata: Diana ora si sta sposando con un uomo, ma ha comunque invitato Ellen al suo matrimonio; mentre la prima nutre dubbi sulla sua ritrovata eterosessualità, la seconda si strugge perché l’amore per la ex non è mai passato. Ma insieme non tornano, perché essere lesbica per Diana non è mai stato semplice e naturale. C’è il racconto di …

Continue reading