Un luogo dove non sono mai stato di David Leavitt

Un luogo dove non sono mai stato di David Leavitt

Non aveva nemmeno trent’anni David Leavitt quando scrisse Un luogo dove non sono mai stato, ripubblicato da SEM dopo la prima uscita per Mondadori. Il libro, una raccolta di dieci racconti che hanno come tema primario l’omosessualità e le relazioni familiari e amorose, è un imperioso e malinconico tuffo negli anni Ottanta, epoca che vide diffondersi l’AIDS e la conseguente fobia nell’ambiente gay e in tutta la società. Un luogo dove non sono mai stato Con il consueto stile minimalista, a tratti addirittura così scarno da far trapelare una certa urgenza di scrivere, Leavitt racconta le storie di diversi personaggi accomunati dalle difficoltà di vivere appieno il proprio orientamento sessuale e alla disperata ricerca dell’amore al tempo dell’Aids. C’è Nathan, gay sieropositivo, che in nome dell’amicizia sottrae vita all’amica Celia, da sempre innamorata di lui. C’è una coppia di donne, ormai scoppiata: Diana ora si sta sposando con un uomo, ma ha comunque invitato Ellen al suo matrimonio; mentre la prima nutre dubbi sulla sua ritrovata eterosessualità, la seconda si strugge perché l’amore per la ex non è mai passato. Ma insieme non tornano, perché essere lesbica per Diana non è mai stato semplice e naturale. C’è il racconto di …

Continue reading
Germogli di Antonella Zanca

Germogli di Antonella Zanca

È un libro piccolo ma di profondo spessore quello di Antonella Zanca, pubblicato con Edizioni Ensemble. I suoi Germogli, racconti brevi che sembrano favole contemporanee, sanno di vita vera e buoni sentimenti. Germogli Abitare in città ha i suoi vantaggi, puoi trovare tutto anche se non sai bene cosa ti serve. Ogni racconto è un fiore, una pianta, un arbusto, ed è per questo che le parole dell’autrice sanno mettere radici profonde nel cuore del lettore. C’è tanta vita in queste undici favole che raccontano l’umanità, le sue fragilità e quella bellezza che si fa sempre più fatica a scorgere in una società che corre inarrestabile, ormai persa in discussioni aggressive e inutili. Leggiamo così la storia di una mammillaria che fiorendo inaspettatamente fa sbocciare un amore là dove pareva ormai impossibile; scopriamo insieme a Omar che all’oratorio si può giocare a calcio per diventare un campione, anche senza necessariamente pregare; piantiamo un albicocco con Angela, in memoria di quello che faceva ombra alla Fiat 600 del padre. E poi ancora l’amicizia di Giuseppe e Pinuccio in riva al mare, il pianoforte magico di Anna e Paolo e le promesse d’amore di Angelo e Marisa. Angelo e Marisa, in una …

Continue reading