Se mi tornassi questa sera accanto di Carmen Pellegrino

Se mi tornassi questa sera accanto di Carmen Pellegrino

Amo la lirica di Carmen Pellegrino. Da qualche settimana Carmen è in libreria con un nuovo romanzo dal titolo rubato all’incipit della poesia A mio padre di Alfonso Gatto, Se mi tornassi questa sera accanto. Certe volte sperava che un meteorite distruggesse la Terra. Per ore osservava il cielo e mai che si vedesse una palla infuocata. L’amore. Di cos’era fatto? Tutto quel gran parlare di affetto famigliare in lei corrispondeva alla sensazione precisa di vivere un abbandono, talmente lungo che persino un abbraccio frettoloso, ricevuto da qualcuno incontrato per caso, era veramente un miracolo. Cominciava a essere stanca di freddo, di cieli disumani, stanca di andarsene in altri mondi, nascosti in libri, Chiudeva gli occhi e ogni volta le tornava in mente un contatto di ossa, di pelle. Fuori di casa, avrebbe abbracciato chiunque. Perciò in classe la guardavano con diffidenza e, poco alla volta, si era fatta da parte. Non erano pronti all’amore incondizionato che portava con sé, nessuno lo era, ma non importava. Ciò che veramente contava era che dopo un abbraccio lei non moriva, non si apriva la terra né niente. Se mi tornassi questa sera accanto È un romanzo epistolare, fatto di centinaia di parole …

Continue reading
Breve storia di due amiche per sempre

Francesca Del Rosso e le amiche per sempre

Amo Francesca Del Rosso fin dalle prime pagine del libro che l’ha resa nota al grande pubblico, Wondy. Ovvero come si diventa supereroi per guarire dal cancro. A lei devo anche il miglior consiglio letterario ricevuto – Le braci di Sandor Marai -, che, come una rassicurante carezza, ritrovo citato sfogliando il suo nuovo romanzo, appena uscito per Mondadori: Breve storia di due amiche per sempre. Una storia vicina a tutte le donne, così semplice e vera da dover essere raccontata. Con lo stile di Francesca, però, che è unico perchè unisce sensibilità e leggerezza, dolcezza e ironia. Un libro apparentemente femminile, che dovrebbe essere letto anche dai maschi, che hanno sempre tante cose da imparare sul nostro complicato universo, che oscilla tra i “per sempre” e i “mai”. L’intervista Ciao Francesca, benvenuta sul blog! Sei amatissima perchè sei davvero una Wonder Woman: giornalista, scrittrice, grande viaggiatrice, moglie di un uomo con un certo caratterino (il giornalista Alessandro Milan, ndr), mamma di due bambini dalla forte personalità, brillante, intelligente, ironica e cazzuta al punto da raccontare il cancro in un libro speciale come Wondy. Da dove vengono la forza e l’energia per non fermarti mai? C’è qualcosa che ancora non hai …

Continue reading
Woody di Federico Baccomo

Woody di Federico Baccomo

Io non ho pianto, leggendo Woody, il nuovo romanzo breve di Federico Baccomo, pubblicato da Giunti. Lo premetto, perchè quasi tutte le persone che me ne avevano parlato, prima che io lo leggessi, mi avevano fatto una carezza sulla spalla dicendo “Piangerai”. Woody No, io non ho pianto leggendo la storia di questo cane di razza basenji, devoto alla sua padrona ventenne, che finisce in una gabbia per aver fatto qualcosa che molti uomini non farebbero: difendere qualcuno a costo della propria stessa vita. Ogni volta che fa cose nuove, Woody: guarda sempre Padrona, segue sempre Padrona, cerca di fare sempre tutto quello che fa lei. Salta se salta, corre se corre, soffre se soffre. Perchè Padrona è intelligente, piena di idee, esperta di mondo. Insegna, spiega. Conosce trucchi e pericoli, differenza tra cose giuste (che si fanno) e cose sbagliate (che non si fanno). Tutto. Non ho pianto, perchè ero troppo impegnata a sorridere di come Woody ci racconta la sua vita da cane, con quella cadenza così ben resa dal bravissimo Baccomo. Non ho pianto, perchè ero così inferocita con tutti quei mezzi maschi che perseguitano, aggrediscono, stuprano le donne, da augurare loro la stessa punizione che colpisce …

Continue reading