Caro Mondo di Bana Alabed

Caro mondo di Bana Alabed

Chi è Bana Alabed? Bana Alabed ha tre anni quando la guerra in Siria diventa così feroce da trasformare la sua vita e quella della sua famiglia in un incubo. Nata e residente ad Aleppo, Bana nel 2016 chiede alla mamma di aiutarla a raccontare al mondo l’atrocità della guerra, utilizzando i 140 caratteri di Twitter per scrivere – con le parole semplici che solo una bambina può avere – cosa deve subire ogni giorno, mostrandoci anche immagini terrificanti di ciò che accade in Siria. Palazzi distrutti, continue esplosioni, minacce dai soldati, interrogatori e minacce ai suoi parenti, Bana è costretta a vivere tutto questo, come migliaia di altri bambini. Ma lei, al contrario di molti altri, ha la fortuna di essere viva e coglie questo dono per lanciare continui appelli alle altre nazioni e agli organismi governativi, affinché intervengano per salvare lei, il suo popolo e la sua terra. È il 13 dicembre 2016 quando Bana lancia un Tweet che è ancora oggi fissato in alto nel suo profilo. My name is Bana, I’m 7 years old. I am talking to the world now live from East #Aleppo. This is my last moment to either live or die. – …

Continue reading
credits | Massimo Sestini

Attraversare il mare per non morire: libri e immigrazione

C’è un tema che mi sta molto a cuore e che mi provoca una netta dicotomia emozionale, dividendomi tra commozione e rabbia: l’immigrazione. Commozione di fronte agli occhi di chi percorre quel viaggio della speranza e spesso non riesce a giungere alla terra promessa; rabbia verso chi giudica dall’alto del privilegio di essere nato nel nord del mondo, ma anche verso le istituzioni che non sanno tendere la mano e aiutare concretamente. No, questo non è un post politico, quindi non approfondirò la mia personale visione del tema. Qui parliamo di libri, che spesso aiutano ad ammorbidire i preconcetti e danno il là per attraversare i confini delle proprie idee. Nella rubrica Similitudini darò spazio a quei libri uniti da un comune fil rouge; libri che ho letto e amato, che hanno cambiato il mio modo di pensare o lo hanno rafforzato nei propri solidi intenti. Oggi vi presento tre storie d’immigrazione, tre sogni di cambiamento, tre viaggi della speranza. Con una piccola ma sentita preghiera: leggete e condividete questi libri, regalateli più che potete, lasciateli liberi dove possano davvero cambiare l’ostinato pregiudizio di chi teme chi arriva da lontano. Buona lettura. Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio …

Continue reading
A volte ritorno di John Niven

Gesù è rock con Christopher Moore e John Niven

Senza alcuna blasfemia (o forse sì, un pochino), parliamo di Gesù e di religione, argomenti interpretati con esilarante simpatia da due autori anglofoni pungenti e ironici. Due libri dissacranti, per lettori dalla mentalità aperta e dall’intelligenza acuta. Il vangelo secondo Biff. Amico d’infanzia di Gesù di Christopher Moore Il libro, scritto nel 2002 e pubblicato in Italia da Elliot Edizioni nel 2008, racconta l’originale vita di Gesù, dal punto di vista del suo amico d’infanzia Levi, detto Biff. La satira di Christopher Moore diventa tagliente pagina dopo pagina, in un crescendo di aneddoti davvero esilaranti. Gesù, fin da bambino, sa d’essere speciale e non riesce a stare lontano dai guai causati dal suo essere diverso. Sa che qualcosa di grande lo attende, ma non sa bene come gestire la sua peculiare santità, in un mondo che di santi e miracoli non vuole saperne. Gesù è uno di noi, un bambino che diventa adolescente e poi adulto, che cresce come un uomo normale ma con la grande responsabilità d’essere il figlio di Dio. Biff lo segue in tutte le sue avventure e ce lo racconta senza pudore, con occhi sarcastici e disincantati. Si ride tanto, fino alle lacrime. autore: Christopher Moore titolo: …

Continue reading