I sogni di Martino Sterio di Giulio Xhaët

I sogni di Martino Sterio di Giulio Xhaët

Per chi va ancora a scuola, le vacanze estive sono già arrivate. Beati voi, ragazzi e ragazze, che dovete preoccuparvi solo dei compiti scolastici! Tra le mille polemiche lette sui giornali, è stata particolarmente ripresa quella sui libri scelti da alcuni insegnanti e suggeriti agli studenti come letture estive. Come sempre in rete è partito lo scannatoio, tra chi è d’accordo sul rinnovare le liste dei soliti classici, a volte stantii e poco appetibili (e comprensibili) per gli studenti, e chi invece si oppone fortemente all’introduzione di nuovi testi, sicuramente più nelle corde dei giovani d’oggi. La verità e il buon senso stanno quasi sempre nel mezzo, per questo oggi voglio parlarvi di un libro che potrebbe entrare nei nuovi romanzi da consigliare ai giovani, per accompagnarli verso l’amore per la lettura. E per farlo, ho tirato in ballo la mia nipotina Sofia, dodicenne che ama tantissimo i libri e alla quale ho chiesto di leggere il romanzo d’esordio di Giulio Xhaët, I sogni di Martino Sterio, pubblicato da Mondadori Electa, nella collana Electa Young. Un libro che è uscito ad aprile e che ha subito conquistato anche gli adulti, perchè racconta una storia appassionante e ben costruita, con risvolti inaspettati e mai banali. …

Continue reading
Teresa Ciabatti

Tre motivi per cui Teresa Ciabatti dovrebbe vincere il Premio Strega

Spero che Teresa Ciabatti non sia troppo scaramantica e non mi detesti per il titolo di questo post, che vuole solo essere un inno d’amore verso il suo libro e una conferma di grande ammirazione per lei, scrittrice da anni e fenomeno letterario della primavera 2017. La più amata, pubblicato da Mondadori a fine febbraio 2017, è stato ed è un libro molto venduto e, soprattutto, molto chiacchierato. È sulla bocca di tutti, perchè non è un semplice romanzo, con una trama inventata e distante. Il libro della Ciabatti è un’autofiction disarmante tanto quanto è crudele, e ci racconta la lussuosa vita della famiglia Ciabatti, borghesi di Orbetello arricchiti e spregiudicati, vista attraverso gli occhi di una Teresa bambina, adolescente e, infine, adulta. Il capofamiglia Lorenzo, padre di Teresa “la più amata”, è il Professore, potente primario all’ospedale del paese: ha tanti amici ricchi e altolocati, gente di un certo livello, tipo Licio Gelli, tanto per fare un nome. Siamo ai tempi d’oro della Prima Repubblica, la ricchezza sfrontata dei Ciabatti è messa in mostra nell’immensa villa con piscina, dove si consumano feste ma anche grandi dolori familiari. La madre di Teresa, Francesca, è costretta a rinunciare al suo lavoro …

Continue reading
Confessioni audaci di un ballerino di liscio di Paola Cereda

Confessioni audaci di un ballerino di liscio di Paola Cereda

Scrivere di libri significa godere di grandi fortune. Come conoscere Paola Cereda, appena uscita in libreria con il suo quarto romanzo, dal titolo wertmulleriano Confessioni audaci di un ballerino di liscio, edito da Baldini+Castoldi. Sono stata invitata dalla casa editrice a incontrare Paola, per sentirla raccontare con grande passione la storia di Frank Saponara, ballerino di liscio e proprietario del Sorriso dancing club, balera che da cinquant’anni accoglie personaggi bizzarri e raccoglie le storie del Polesine più profondo. Ora ditemi, di fronte a una scrittrice con questo sorriso entusiasta, non sareste rimasti incantati anche voi? Paola Cereda ci ha raccontato che un giorno ha sentito l’esigenza di scrivere un romanzo con protagonista un uomo che si chiamasse Saponara di cognome. Direte: ma che stranezza, è così che allora nascono i personaggi? A volte va proprio così, basta un cognome, magari sentito durante una partita di calcio – Riccardo Saponara è centrocampista della Fiorentina – per dare vita a un personaggio dal carattere sfaccettato come quello di Frank Saponara, erede di un impero, quel Sorriso dancing club dove si balla il liscio puro e vero e in cui si va alla ricerca dell’allegria, in una terra ricca di ombre come il …

Continue reading